Contatti

Cattedrale di Bergamo

Piazza Duomo - 24129 Bergamo

oreri apertura 7.30-12.00    15.00-18.30

Tel. sacrestia: +39 035 21 02 23

E-mail: cattedraledibergamo@gmail.com

Tel. segreteria: +39 035 27 12 08

E-mail:  duomo.bg@virgilio.it

 

Virtual tour

Virtual Tour

Offerte

Bonifico Bancario:

Istituto bancario:

Banca popolare di Bergamo

Agenzia:

Ag. Città Alta

IBAN:

IT 71 Y 05428 11107 000000001780

Alessandro: protettore degli uomini, testimone della fede!

Bergamo. 303 d.C. È questo il luogo e l'anno in cui si presume sia avvenuto il martirio di Sant'Alessandro. "Protettore di uomini", questo il significato del suo nome che deriva dal greco e tale accezione rimarrà indelebile, incisa come il più profondo dei marchi nella sua vita e nella sua storia. Alcune fonti gli conferiscono la carica di comandante di centuria nella legione Tebea (legione romana comandata da San Maurizio e facente capo alla città di Tebe), nota anche come Maximiana Thebaeorum, quindi appartenente a Massimiano imperatore di Occidente. Proprio Massimiano impone, tramite un editto promulgato nel 300 da Diocleziano (imperatore d'Oriente), di ricercare i cristiani contro i quali è già in atto una persecuzione. Sant'Alessandro insieme ad altri suoi compagni si sottrae con coraggio ad eseguire l'ordinanza. Tale rifiuto gli costerà più tardi la vita stessa.

L'imperatore decide così di punire i trasgressori con ben due decimazioni. L'esecuzione ha luogo ad Agaunum, l'attuale Saint Maurice, ed è un vero e proprio massacro.Sant'Alessandro a cavallo di Fabio Ronzelli Alessandro, Cassio, Severino, Secondo e Licinio sono tra i pochi superstiti che riescono a fuggire in Italia, precisamente a Milano. Qui Alessandro viene riconosciuto e incarcerato. San Fedele (anche lui soldato convertitosi al cristianesimo) e San Materno (Vescovo di Milano) si recano da lui in prigione riuscendo ad organizzare la sua fuga verso Como. Ma a Como Alessandro è di nuovo individuato e catturato. È condotto ancora una volta a Milano.Urna Sant'Alessandro Qui interrogato dall'imperatore, invece di sacrificare agli dèi, rovescia l'ara pronta per il rito. Si decide così la sua condanna a morte. Ed è qui che avviene il primo prodigio, raccontato dalla tradizione: durante l'esecuzione il giustiziere Marziano non riesce a decapitare Alessandro per via di una visione che gli trattiene le braccia. Tornato in carcere riesce di nuovo a scappare e giungere stavolta a Bergamo, passando per Fara Gera d'Adda e Capriate. È a Bergamo che la risposta alla chiamata di Dio si compie. Dai suoi amici viene invitato all'anonimato. Ma Alessandro è indenne alla paura e non rinnega il suo amore per Vangelo. Non passa molto tempo che è di nuovo arrestato e stavolta la decapitazione è definitiva: il 26 agosto del 303. La tradizione racconta che il suo corpo viene raccolto dopo qualche giorno da Santa Grata, nobile bergamasca, figlia del duca Lupo. Con cura la giovane offre degna sepoltura al corpo in un suo piccolo podere nei pressi della città. La leggenda narra che nel terreno sono spuntati dei gigli in corrispondenza del sangue versato dal Martire. Protettore degli uomini si, ma soprattutto testimone della Fede, Alessandro è l'esempio alto di cristiano che ama il Vangelo e lo mette in pratica vivendolo.

 

Sant'Alessandro nell'iconografia artistica

Anche se le sue origini non sono evidentemente bergamasche, gli agiografi parlano di Sant'Alessandro di Bergamo per via del suo martirio, avvenuto per decapitazione, secondo la tradizione,Particolare dell'altare Sant'Alessandro nell'antica colonna ancora oggi collocata presso la Chiesa di Sant'Alessandro in Colonna. L'iconografia artistica da sempre lo raffigura con due attributi: la divisa militare e il vessillo gigliato. L'armatura è ovviamente legata al suo essere legionario, mettendo in risalto le virtù quali il coraggio, il valore, la forza e l'audacia. Il vessillo invece è segno peculiare di alfiere della legione. Esso raffigura sempre un giglio (simbolo di giovanile purezza, di elezione oltre che segnale evidente del suo martirio) e nella storia dell'arte è rappresentato in versione araldica. Per quanto riguarda le sembianze fisiche del Santo, esistono varie interpretazioni. In pittura, in scultura come nelle miniature e in oreficeria, Sant'Alessandro è raffigurato ora fiero dalla lunga barba e con il volto attempato; ora dall'aspetto giovanile e gentile, o ancora con lo sguardo devoto pronto al martirio.